napoli scudetto

Il Napoli adesso crede nello Scudetto, e come dargli torto! Vincere all’ultimo minuto di recupero all’Olimpico contro la Lazio con una magia di Fabian Ruiz e soprattutto dopo aver subito 3 minuti prima il gol del pareggio con una fucilata da fuori area di Pedro che avrebbe spezzato il morale a molte squadre, è stata una grande prova di forza e di carattere che potrebbe rivelarsi come un segno del destino e come una partita che potrebbe dare una svolta al campionato. In pochi se lo aspettavano ma il bello del calcio è proprio questo.

1-2 il risultato finale, prima il gol di Insigne, poi la stoccata di Pedro e infine il gol importantissimo di Ruiz che scocca un fendente preciso da fuori area che si insacca a fil di palo che non lascia scampo al portiere biancoceleste e che consente così alla compagine partenopea di raggiungere la vetta della classifica in condominio con Milan fermato il giorno prima sull’1-1 in casa dall’Udinese; partita sulla quale i rossoneri hanno di che disperarsi per un grossolano errore dell’arbitro che convalida un gol irregolare dei friulani.

Ed è proprio il Milan che fra pochi giorni sarà ospite del Napoli allo stadio Maradona per una sfida-scudetto che già si preannuncia di fuoco. Se gli uomini di Spalletti avessero la meglio sui rossoneri, il Napoli infatti balzerebbe infatti momentaneamente da solo in vetta alla classifica. Stesso discorso di primato varrebbe naturalmente a favore del Milan se gli uomini di Pioli si imponessero in terra campana.

Il successo di Roma ha dato un’iniezione di fiducia enorme e il Napoli adesso ha il dovere di cavalcare l’onda dell’entusiasmo che ha cancellato l’umiliazione interna della sconfitta contro il Barcellona in Europa League. Da un eventuale, quanto non improbabile risultato di parità, potrebbero invece approfittarne le inseguitrici, Inter in primis che ospiterà il fanalino di coda Salernitana (aspettando sempre che venga disputato il recupero contro il Bologna) che però ha già dato un recente dispiacere al Milan allo stadio Arechi.

E perché no, anche la Juventus impegnata in casa contro lo Spezia e l’Atalanta che stasera ospita la Sampdoria e sarà poi ospite della Roma. Va ricordato che anche l’Atalanta, e non è poca cosa, ha una gara da recuperare contro il Torino. Un campionato così combattuto e incerto non lo si vedeva da anni e in cui non ci sono fughe solitarie e dove non esistono risultati scontati per nessuno.

Il Napoli, va detto, ha però più volte dimostrato nel corso del tempo di non riuscire quasi mai ad approfittare delle situazioni di vantaggio e scivolando spesso sulle bucce di banana laddove il risultato sembrava abbastanza scontato contro squadre di minore caratura. Ma il Milan invece è l’altra capolista ed è quindi difficile ipotizzare cali di concentrazione dei partenopei dovuti alla sottovalutazione dell’avversario e certamente non vorranno farsi sfuggire l’opportunità di dare una svolta storica alla stagione incamminandosi verso quel traguardo che manca dal 1990, anche se il percorso a ostacoli è sempre irto e ancora pieno di insidie.

Seguici anche su Per Sempre News!