milan maignan rinnovo

Migliore in campo nel derby, Mike Maignan è stato monumentale ieri sera. La sua presenza non fa rimpiangere Donnarumma.

Rimpianti? No– “Come scacciare ogni fantasma di Donnarumma” sarebbe un probabile best-seller di Mike Maignan. Non era facile sostituire un portiere così forte e che nel Milan era considerabile già un veterano. Ma il numero 16 rossonero ha alzato la saracinesca. Fin da subito si è messo in mostra come uno dei migliori portieri in Serie A, anche se, considerando il calo di forma di Handanovic e Szczesny, può essere considerato il numero 1 nel suo ruolo. Mentre Donnarumma ha collezionato solo 9 presenze in campionato, Mike le ha giocate tutte, infortuni a parte, scacciando ogni tipo di fantasma.

Derby– Ma sì sa, i veri campioni si devono dimostrare tali nel momento del bisogno. Così è stato: ieri sera, con un Milan in balia dell’Inter, Maignan ha alzato la saracinesca e ha detto “No” a quasi ogni tentativo dei Nerazzurri. Super Mike è stata la carta vincente di Pioli per la vittoria. È vero, il 2-1 finale è stato marchiato doppiamente da Giroud, ma senza gli interventi di Maignan il Milan a fine primo tempo sarebbe stato sotto di 2 o 3 gol. Ora la classifica vede i Rossoneri secondi a 1 punto dai cugini (che però devono recuperare una partita). Le speranze di vincere lo scudetto sono però vive, e gran parte del merito è del portiere rossonero.

Finanze– È vero, vendere Donnarumma avrebbe fatto bene alle casse del Milan. Ma aver preso Mike a soli 14,3 milioni, è stato davvero un brutto affare? Assolutamente no, considerando lo stipendio ridotto rispetto a quello di Donnarumma, Maldini e la dirigenza ci hanno guadagnato. Il Milan ha un elemento portante, direttamente a difendere i pali della porta, e questo è Mike Maignan.