osim

Oggi, al Policlinico Vavitelli, il primario Giampaolo Tartaro, specialista in chirurgia maxilo-facciale, metterà sotto i ferri Victor Osimhen, a seguito della brutta frattura rimediata contro l’Inter.
Il giocatore ha riscontrato in seguito allo scontro aereo con Milan Skriniar, ben cinque fratture allo zigomo.
Ecco le parole di Tartaro in seguito alla condizione clinica del nigeriano:

Qual è la situazione clinica?
“Il giocatore ha cinque fratture scomposte pluriframmentate allo zigomo sinistro, che coinvolgono anche l’orbita”.

Quanto dura l’operazione?
“Almeno due ore, due ore e mezza”.

Ne esegue tante di questo tipo?
“Più di quattro o cinque a settimana. Ho operato da poco anche il portiere del Benevento”.

Tartaro sui tempi di recupero di Osimhen

Tartaro aggiunge il suo responso alla tanto attesa domanda riguardo i tempi di recupero:

Sono, dunque, necessari tempi più lunghi?
“Tra una settimana Osimhen potrà ricominciare a fare ginnastica. Tra 15 giorni potrà correre e tra sei settimane potrà allenarsi, anche se occorre aspettare per dirlo: i tempi si potranno valutare solo dopo l’intervento chirurgico”.

Il calciatore potrebbe non partecipare con la nazionale della Nigeria alla Coppa d’Africa?
“Meglio aspettare per esprimersi”.

Un aspetto tecnico, però, può chiarirlo: com’è possibile che l’avversario Milan Skriniar sia rimasto illeso nello scontro?
“Perché l’altro giocatore è stato colpito alla nuca”.

È chiaro che un infortunio del genere potrà condizionare altamente le prestazioni del giocatore.
Un giocatore che fa del suo stile di gioco l’esplosività e la velocità potrebbe avere sicuramente incertezza al rientro soprattutto per quanto riguarda i contrasti.
Toccherà ora ad Andrea Petagna e Dries Mertens fare le veci dell’attaccante ex Lille, in vista delle prossime difficili gare, tra le quali gli scontri diretti con Lazio, Milan e Atalanta.
A Victor Osimhen non resta quindi che seguire un giusto percorso per il suo rientro in campo, per un Napoli che ha un disperato bisogno della sua “pantera nigeriana”.