La Roma supera per 2-0 un Empoli ben messo in campo dal tecnico Andreazzoli. Con la vittoria sui toscani la squadra di Mourinho sale al quarto posto in classifica con 15 punti. Primo tempo equilibrato con la Roma che cerca il fraseggio sulla trequarti con Zaniolo e Mkhitaryan che vanno spesso al cross per la testa di Abraham e gli inserimenti di Pellegrini. L’Empoli gioca molto bene, difendendo ordinato e ripartendo compatto, con personalità, organizzazione e attaccando bene la profondità. Il gol di Pellegrini sblocca una partita che si stava facendo complicata per la squadra giallorossa. Cambia totalmente l’inerzia del match nel secondo tempo con la Roma che trova subito il raddoppio con Mkhitaryan giocando in scioltezza con un grande Abraham e concedendo praticamente niente all’Empoli giocando con quell’equilibrio tattico tanto invocato da José Mourinho.

Nella Roma torna Pellegrini sulla trequarti assieme a Zaniolo e Mkhitaryan alla spalle di Abraham. La sorpresa del tecnico portoghese si chiama Darboe che affianca Veretout in mediana. Andreazzoli conferma il 4-3-1-2 con il giovane Viti al centro della difesa. Davanti c’é Henderson trequartista dietro la coppia di attaccanti Pinamonti e Di Francesco. Parte bene la Roma e nei primi minuti riesce ad uscire bene dalla pressione alta dell’Empoli con Darboe e Veretout che recuperano velocemente il pallone servendo sulla trequarti Mkhitaryan e ad un ispirato Zaniolo che cercano ripetutamente il cross per la testa di Abraham e l’inserimento di Pellegrini. Come al 6′ quando lo stesso Pellegrini lancia Zaniolo sulla destra e mette in mezzo per il taglio di Mkhitaryan il cui tiro viene deviato in angolo. Grande giocata poco dopo di Zaniolo che si libera benissimo dalla marcatura, va via in velocità e viene messo giù da Ricci ma l’arbitro lascia correre.

L’Empoli comincia a prendere le misure e rispondere senza paura, compatta e con personalità agli affondi giallorossi attaccando bene la profondità con Di Francesco e Pinamonti che si allargano molto creando problemi a Mancini e Smalling. L’ex nerazzurro dopo aver rubato palla sulla trequarti tira dal limite dell’area con tiro deviato sopra la traversa da Mancini. Pinamonti che poco dopo viene sostituito da Mancuso per un problema muscolare. L’Empoli sfrutta bene le fasce come al 27′ quando Di Francesco va via sulla fascia destra e mette in mezzo un ottimo traversone per Bandinelli che sorprende Karsdorp con palla che finisce di poco sopra la traversa. Roma che fatica ad essere incisiva negli ultimi 20 metri ma proprio nel momento di maggiore pressione del’Empoli arriva il gran gol di Lorenzo Pellegrini. Ottima verticalizzazione di Mkhitaryan, taglio di Abraham che porta via il suo marcatore e grande inserimento di Pellegrini che con l’interno destro batte Vicario festeggiando il rinnovo del contratto.

Nel secondo tempo Andreazzoli sostituisce Bandinelli con Haas ma la Roma raddoppia subito con una grande giocata di Abraham che ruba palla ai centrali empolesi e tira dal limite dell’area una sassata che fa tremare la traversa. Sulla ribattuta arriva Mkhitaryan che ribadisce in rete segnando il secondo gol in questo campionato. La Roma si muove sciolta e riparte con veemenza quando ha la palla con Abraham che sale in cattedra creando grandi problemi ai difensori dell’Empoli come al 52′ quando conclude a botta sicura dopo un velo di Pellegrini trovando la risposta di Vicario.

La squadra giallorossa si propone con qualità in avanti e a differenza del primo tempo è più compatta dietro mantenendo bene le distanze e concedendo praticamente niente agli attaccanti dell’Empoli. Ancora Roma con Abraham che si gira bene di testa in area di rigore ma trova la risposta di Vicario. Nel finale di gara aumenta la stanchezza con le due squadre che si allungano perdendo lucidità sottoporta con l’Empoli incapace di creare pericoli alla porta giallorossa. Allo scadere entra El Shaarawy per Zaniolo, Ibanez per Smalling e Zalewski per Mkhitaryan con una Roma in pieno controllo del match e che porta a casa una vittoria preziosa e meritata.