skriniar inter

Termina con il risultato di 0-0 la sfida Shakthar-Inter valida per la Champions League, partita andata in scena a Kiev, la quale si è conclusa senza reti, con ucraini e nerazzurri a raccogliere il primo punto nel girone.

Per la terza volta di fila Shakthar Donetsk ed Inter non si fanno male, non trovando entrambe la via della rete, così come accaduto la scorsa stagione tra andata e ritorno, sempre nel girone di Champions. Nel primo tempo accade poco, ma le occasioni principali sono dei nerazzurri con la traversa colta da Barella ed il mancato tap-in di Dzeko da posizione molto comoda.

Nella ripresa, meglio gli ucraini. Specie nei primi minuti la squadra di De Zerbi spinge molto ma non trova la via del gol per imprecisione o a causa di un monumentale Skriniar in difesa. Nella parte finale di match l’Inter ritorna protagonista con una doppia chanche, dove si fa trovare pronto Pyatov, prima manda in angolo un tiro a giro di Correa, poi sull’angolo successivo, il portiere dello Shakhtar evita il colpo di testa vincente di de Vrij.

Al termine della sfida, nerazzurri ed ucraini salgono ad un punto in classifica, ma devono inseguire a quota 3 Real e Sheriff, impegnati stasera a Madrid. Nelle prossime due sfide, l’Inter affronterà la matricola moldava, in modo da poter emergere nel girone, dopo le prime due gare a secco di gol.

Sotto parecchi versi la gara ha ricordato quella dello scorso anno. Il primo tempo è stato clamorosamente simile. La squadra di Roberto De Zerbi ha approfittato di un po’ di passività dell’Inter in mediana in fase di pressing per uscire palla al piede e prendere campo. Le occasioni non sono state certo nette come quelle dell’Inter ma ciò ha consentito agli ucraini di tenere maggiormente palla e tenere lontana la squadra di Inzaghi dalla porta di Pyatov.

L’Inter non ha mostrato grande intensità. Le occasioni sono arrivate per la qualità dei giocatori. Edin Dzeko non è mai stato un bomber alla Inzaghi. A 35 anni la lucidità viene ulteriormente meno, fermo restando il suo grande lavoro per la squadra. La narrazione sul pareggio che è un buon risultato non può essere accettata. Contro lo Sheriff servono 6 punti, senza se e senza ma…