• Tempo di lettura:2Minuti

Correva l’anno 1984 e Diego Armando Maradona aveva scelto l’allora “piccolo” Napoli per andarsene dal Barcellona. La storia sembrava frutto di un romanzo ma era invece realtà. Dopo varie esibizioni ed amichevoli arrivò il giorno del fatidico esordio. Era il 16 settembre 1984.

Il Diez aveva già esordito con il Napoli in un match ufficiale. Fu in occasione di un match di Coppa Italia contro l’Arezzo, in cui segnò con una punizione delle sue.

L’esordio di Diego Armando in Serie A fu invece amaro. Gli Azzurri affrontarono il Verona al Bentegodi. Gli Scaligeri erano campioni in carica e vinsero meritatamente per 3-1. La rete del Napoli fu segnata da Bertoni, altro argentino. Era un Napoli poco competitivo, anche se non mancavano calciatori di livello. Ci riferiamo a Bruscolotti, lo stesso Daniel Bertoni e Moreno Ferrario.

Quel Napoli, allenato da Rino Marchesi, arrivò ottavo in campionato, dopo aver navigato in cattive acque per la prima parte di stagione. Ciononostante il fuoriclasse argentino realizzò ben 14 gol in campionato. Era un bottino enorme per quel contesto di calcio, a maggior ragione in una squadra ben poco competitiva. Squadra che, grazie alle prestazioni leggendarie del D10S e di nuovi innesti, vinse il campionato tre anni dopo.