• Tempo di lettura:3Minuti

Terza vittoria in altrettante gare per il Milan che batte anche la Lazio a San Siro. Rossoneri aggressivi e determinati fin dalle battute iniziali, concedono pochissimo alla Lazio dominando il match. Partita sbloccata alla fine del primo tempo con Leao e chiusa nella ripresa da Ibrahimovic. Il Milan prosegue la sua striscia positiva di risultati utili ed aggancia il Napoli al primo posto. Passo indietro della Lazio apparsa titubante, remissiva, chiusa benissimo in attacco dai difensori rossoneri ed in grossa difficoltà sulle ripartenze del Milan.

Nessuna sopresa nelle formazioni con i due tecnici che confermano gli undici annunciati alla vigilia. Ante Rebic al centro dell’attacco rossonero e Sarri che recupera Ciro Immobile. Grande partenza del Milan che aggredisce e riparte sfondando sulle fasce con Leao e Theo Hernandez a sinistra e con le incursioni di Calabria a destra. Proprio Leao va vicino al gol al 15′ con un tiro dal limite dell’area che termina alto alla sinistra di Reina e Calabria cinque minuti dopo spaventa il portiere spagnolo calciando fuori di un soffio. Il Milan schiaccia la Lazio per intensità, aggressività e pressione. I biancocelesti cercano di fare possesso palla provando ad aprire il gioco sugli esterni ma il Milan stringe ed accorcia bene con Tomori e Romagnoli che controllano agevolmente Immobile. Break della Lazio al 30′ con una incursione di Pedro per Felipe Anderson che crossa in area e anticipo provvidenziale di Tomori su Immobile. Un fuoco di paglia perché la Lazio continua ad essere in grande difficoltà a centrocampo con Milinkovic-Savic ben neutralizzato da Kessié e Leiva lento a sviluppare il gioco e costretto ad abbassarsi per avere palloni giocabili. La superiorità del Milan si concretizza alla fine del primo tempo con Leao che dopo un bello scambio con Rebic trafigge Reina segnando il suo secondo gol in campionato. Tre minuti dopo Kessié si conquista un rigore dopo un contatto con Immobile ma spara sulla traversa.

Partenza del secondo tempo con ritmi più lenti ma il copione non cambia: i rossoneri aspettano la Lazio e ripartono veloci marcando bene dietro gli esterni biancocelesti. Al 59′ ovazione plenaria di San Siro per l’entrata in campo di Zlatan Ibrahimovic al posto di Leao. Pioli sostituisce anche Kessié e Florenzi con Bakayoko e Saelemaekers. Sarri risponde con Zaccagni per Felipe Anderson. Il Milan con una grande ripartenza trova il raddoppio proprio con Ibrahimovic. Azione partita con una bellissima verticalizzazione di Tonali per Rebic che dalla sinistra crossa al centro per il facile tap-in dello svedese. Lazio in grande difficoltà che arretra ulteriormente il baricentro lasciando ancor di più la possibilità al Milan di infilarla in contropiede. Calabria padroneggia sulla fascia destra proponendosi e fermando chiunque passi dalle sue parti. I cambi finali di Sarri non producono nessun effetto con il Milan che fa possesso, in pieno controllo e vincendo una partita con pieno merito.