• Tempo di lettura:4Minuti

Le scorse stagioni hanno messo in evidenza tanti giovani crack a livello Europeo. Alcuni sono delle vere e proprie certezze, già tra i migliori calciatori al mondo. Altri sono attesi all’ultimo step. Ci riferiamo agli under 21, i calciatori nati negli anni 2000. Naturalmente la denominazione “millennials” è sbagliatissima, in quanto in quel caso ci si riferisce ai calciatori nati dal 1981 al 1996.

I migliori under 21 chiamati alla conferma in questa stagione

SERIE A

In Serie A non mancano i talenti, anche se il livello non è quello degli omologhi stranieri. Il calciatore che può entrare in un’altra dimensione è Dusan Vlahovic. Dopo due grandi stagioni, il serbo della Fiorentina è chiamato a spiccare il volo. Commisso è riuscito a trattenerlo quest’anno. La prossima estate, se si confermerà, Vlahovic potrà valere più di 100 milioni di euro.

Al rilancio è chiamato invece Dejan Kulusevski. Dopo un’ottima stagione a Parma, lo svedese ha disputato un’annata intermittente alla Juve. Stesso discorso per Moise Kean, in auge oramai da anni, ma con battute d’arresto innegabili. La Juve lo ha ripreso e, visto l’addio di CR7, avrà decisamente maggiore spazio. Sandro Tonali, dopo una prima stagione in crescendo al Milan, ha l’obiettivo di conquistare la Nazionale e farsi notare anche in Champions.

Mikkel Damsgaard è stato protagonista agli Europei. La Sampdoria è riuscito a trattenerlo. Se si confermerà, il danese potrà essere appetito da grandi club europei. Hamed Traoré del Sassuolo sarà il leader del reparto nevralgico, visto l’addio di Locatelli. Discorso simile per Giacomo Raspadori, già convocato in Nazionale, e adesso leader indiscusso dell’attacco dei neroverdi, a maggior ragione a seguito dell’addio di Ciccio Caputo.

Difficile invece l’impresa di Ethan Ampadu, approdato al Venezia. Il gallese è un talento ma i Lagunari non sembrano all’altezza. La Juve ha acquistato il talento brasiliano Kaio Jorge, classe 2002. Probabile che questo sia un anno di apprendistato. Grande attesa per Mohammed Ihattaren, acquistato dalla Juve e prestato alla Sampdoria.

Samuele Ricci, titolare nell’Empoli di Andreazzoli, ha l’occasione di mettersi in mostra in Serie A. Aspettative anche per Andrea Carboni, Nicolò Rovella, Roberto Piccoli e Riccardo Calafiori.

ESTERO

Preferiamo non soffermarci su calciatori che già sono certezze. Elementi del calibro di Haaland, Foden, Pedri o Alphonso Davies già sono considerabili top player.

Potenziali crack che devono confermarsi sono anche calciatori che hanno riscontrato intoppi nel proprio percorso causa problemi fisici. Basti pensare ad Ansu Fati, a cui è stata data la 10 del Barcellona. Eduardo Camavinga, appena arrivato al Real Madrid, deve dimostrare di essere da top club. Eppure quest’annata sembra da apprendistato. Jude Bellingham, classe 2003, è un altro potenziale fuoriclasse. Nuno Mendes, classe 2002 acquistato dal PSG, è chiamato a ripetere le straordinarie prestazioni di cui è stato protagonista allo Sporting.

Vinicius Jr. e Rodrygo Goes devono guadagnarsi maggiore spazio al Real Madrid e migliorare in termini di prolificità. Boubacar Kamara del Marsiglia deve confermarsi così come Ryan Gravenberch. Da tenere d’occhio anche Pedro Neto, che arrivò troppo presto alla Lazio e ora protagonista con la maglia dei Wolves. Sven Botman, Wesley Fofana e Benoit Badiashile sono alcuni dei difensori emergenti.

Dominik Szoboszlai, dopo una stagione tormentata causa problemi fisici, ha tutto per la fare la differenza nel centrocampo del Leipzig. Attenzione anche a due esterni terribili come Jeremy Doku del Nantes, ammirato in Italia-Belgio, ed Antony dell’Ajax. Gabriel Martinelli, altro calciatore tormentato da problemi fisici, è chiamato al rilancio. Eric Garcia può avere spazio in un Barcellona in rifondazione.

Lo Sporting ha ceduto la stella Nuno Mendes ma vanta altri calciatori nati nel nuovo millennio di ottimo livello. Grande attesa per l’attaccante Tiago Tomás, per il difensore Gonçalo Inácio per il centrocampista classe 2005 Dário Essugo. Il Benfica punta molto sull’attaccante dell’under 21 Gonçalo Ramos e sul difensore brasiliano Gonçalo Ramos. Porto che darà spazio ai centrocampisti Fábio Vieira e Vitinha e a Francisco Conceição, figlio del mister,