La Juve non ha alcuna intenzione di cedere CR7. I bianconeri hanno affermato con fermezza la permanenza del portoghese. Come spiegato a più riprese, tuttavia, le intenzioni di Jorge Mendes sono diverse.

Il superagente portoghese ha l’accordo con il Manchester City. Che CR7 volesse andare via era noto e ne abbiamo parlato nel pezzo del nostro VIDEO ESCLUSIVO sul trasferimento delle auto. La permanenza è stata dichiarata con forza dalla Juve, vista l’impossibilità di trovare acquirenti a pochi giorni dalla fine del mercato.

Jorge Mendes ha forzato la mano. Gli sceicchi del City lo vogliono portare subito a casa. Operazione di marketing troppo golosa. I Citizens vogliono rispondere agli altri sceicchi, quelli del PSG, che hanno messo sotto contratto Leo Messi.

Eppure una convivenza tra il portoghese e Pep Guardiola sarebbe quantomeno rischiosa. Il tecnico catalano ha messo in panchina gli attaccanti, Aguero in primis, perché non in grado di svolgere la fase difensiva. Fase difensiva a cui non è certo abituato il portoghese. A maggior ragione adesso, visto che a febbraio compirà 37 anni.

Permangono pertanto fortissimi dubbi su un eventuale adattamento nel gioco di Guardiola. A quel punto sarebbe il tecnico a doversi adattare. 9 calciatori a correre e CR7 al centro dell’area a ricevere palloni da mettere in rete. Un bomber un po’ alla Pippo Inzaghi, con caratteristiche naturalmente diverse.

L’interrogativo è lecito. Fatto sta che sarebbe una convivenza quantomeno forzata. Logiche di marketing imporrebbero una presenza del portoghese in pianta stabile nella formazione titolare di Guardiola. Con tutti gli effetti indesiderati nel caso in termini di sviluppo della manovra.