Più passano e giorni e più si avvicina la permanenza del Gallo Belotti al Torino. Rischia di trattarsi di una tregua temporanea in quanto l’attaccante lombardo non ha rinnovato il contratto in scadenza nel 2022.

Fare mercato con questa spada di Damocle risulta difficile. Ne consegue che l’attacco granata si limiterà eventualmente a movimenti minori. La società è al lavoro per uno scambio tra Verdi (in uscita) e Orsolini, ma la trattativa non è entrata nel vivo.

Tante, tantissime le fumate grigie, dovute in primis all’incertezza per Belotti. Il Torino è quindi impossibilitato a effettuare determinati colpi. Chiquinho è il nome più caldo per quanto riguarda il ruolo di sottopunta. Eppure il Benfica deve concedere il prestito affinché l’operazione vada in porto.

Intanto Lyanco è a un passo dal Southampton. Il centrale brasiliano sarebbe quindi respiro alle casse granata. Torino che, lo ricordiamo, ha perso anche Nkoulou. La speranza è di arrivare a Becão nei prossimi giorni, in modo tale da rimpinguare un reparto che ha assolutamente bisogno di rinforzi.

Per Pobega va avanti la trattativa. L’ex Spezia può essere un elemento molto utile sia nel ruolo di centrocampista che, eventualmente, in quello di sottopunta. Fatto sta che il 3421 di Juric è ancora un cantiere aperto. E all’esordio contro l’Atalanta il Gallo Belotti potrebbe giocare solo uno spezzone di partita.