Giorgio Chiellini, rientrato oggi alla Continassa, si è incontrato con la dirigenza bianconera; entrato in sede alle ore 10, ne è uscito un’ora dopo con un meritato biennale in tasca che lo legherà al club fino al 30 giugno 2023.

Nonostante quindi le varie voci, smentite da Agnelli già nella conferenza stampa di presentazione di Allegri, che lo volevano lontano dalla Juve, il capitano della nazionale Italiana e della Juve chiuderà in bianconero la sua carriera da giocatore di serie A. 

La dirigenza ha quindi deciso di accontentare il neo campione d’Europa. Il baluardo su cui si è poggiata l’intera nazione per un mese da sogno che ha portato alla conquista dell’Europeo e che ha consentito a “Re Giorgio” di alzare la coppa da… disoccupato.

Che la sua avventura in bianconero sarebbe continuata era fuori discussione e il suo amore per la Vecchia Signora non ha mai vacillato; oltre alla voglia di inseguire altri successi portare a casa nuovi titoli con la Vecchia Signora, come confermato dalla stesso difensore giovedì scorso a Livorno, per Chiellini si aprono dunque le porte del prossimo Mondiale di Qatar (novembre-dicembre 2022). 

Chiellini vuole infatti coronare il grande sogno di guidare da capitano la nazionale con cui ha vinto a Wembley.

NUOVO CICLO, VECCHI PROTAGONISTI

Chiellini non è di certo un giocatore che firma un biennale con l’idea di svernare nel club dove gioca da 20 anni. 

La sua idea è quella di tornare a vincere lo scudetto, dare l’assalto alla tanto ambita Champions e aiutare Allegri, che lo ha riconfermato capitano settimana scorsa, a riformare una squadra vincente. 

Questi sono i suoi obbiettivi al momento della firma del contratto; Chiellini guadagnerà le stesse cifra di prima, ovvero circa 3 milioni netti a stagione. 

Dopo aver firmato, a testimonianza di quanto appena detto, si è subito diretto al Training Center per rimettersi a disposizione del ritrovato mister.