L’Everton è in pressing sulla Roma e sul giocatore per riportare in Premier League Chris Smalling. L’ex calciatore del Manchester United non è ritenuto indispensabile da José Mourinho.

Dopo una prima stagione positiva, la sua seconda annata in giallorosso è stata contraddistinta dai problemi di natura fisica. Classe ’89, Smalling non è più un calciatore in grado di garantire almeno 40 partite l’anno tra tutte le competizioni.

I Toffees hanno avanzato la propria proposta ufficiale. L’offerta alla Roma è di 12 milioni di euro. Di questi 12 milioni, 10 sono di parte fissa e 2 di bonus facilmente raggiungibili. Il calciatore per adesso nicchia e vuole giocarsi le proprie chance in giallorosso.

Mourinho ha scelto Sven Botman del Lille come nuovo centrale per guidare la difesa. Tuttavia, come tutte le squadre, la Roma si autofinanzia. Per questo motivo un approdo dell’olandese in giallorosso sarebbe possibile solo in caso di cessioni “danarose”.

Chris Smalling vuole attendere. Una sua cessione può profilarsi più in avanti, magari ad agosto, qualora l’inglese capisse di non rientrare nei piani di José Mourinho. Lui si trova benone nella capitale e andrebbe via solo qualora gli venissero offerti progetti allettanti. Un addio alla Roma è comunque uno scenario reale, ma dipenderà dallo spazio prospettatogli dal neo insediato tecnico di Setúbal.