bernardeschi mls

La Juve di Allegri, al ritorno in bianconero, sta per prendere forma. I bianconeri puntano a rinverdire i fasti del passato recente, proprio con il tecnico livornese in panchina.

Con la Champions raggiunta per il rotto della cuffia, le esigenze di cassa sono inferiori rispetto a quanto prospettato. Tuttavia, considerato che la pandemia di covid-19 ha rappresentato un problema universale per i conti delle società sportive, anche la Juve dovrà prestare attenzione al bilancio.

Come abbiamo affermato a più riprese, la situazione CR7 è in divenire. La compagna Georgina Rodriguez ha affermato che il fuoriclasse portoghese resterà a Torino. In verità la permanenza di Ronaldo è in bilico. Se arriveranno offerte allettanti per il calciatore e per la Juve, CR7 partirà. Resta da vedere se vi saranno club pronti a investire certe cifre per un calciatore di 36 anni.

Posto che il calciomercato della Juve ruota attorno alla permanenza o meno del portoghese, vediamo i calciatori in uscita.

Dybala sembrava sulla lista dei partenti ma le cose sono cambiate. La Joya dovrebbe rinnovare il proprio contratto con la juve.

In lista di sbarco c’è Alex Sandro. Oramai 30enne, il brasiliano è stato sotto tono nelle ultime stagioni. I bianconeri risparmierebbero un ingaggio considerevole, tra l’altro. Aaron Ramsey vuole rimanere ma la Juve ascolta offerte per un centrocampista il cui ingaggio alto è inversamente proporzionale alle prestazioni in campo.

Adrian Rabiot ha maggiore mercato. Seppur non titolare fisso, dovrebbe giocare parecchi minuti nella Francia campione del mondo in carica, che punta a vincere l’Europeo. Il francese non è incedibile, ma servono offerte decisamente superiori ai 30 milioni di euro di cui si parlava.

Bentancur è sempre piaciuto ad Allegri ma in caso di offerte allettanti potrà andare via. Nemmeno l’uruguaiano è incedibile. Anche qui serviranno proposte convincenti. Discorso diverso per Arthur. Valutato 70 milioni nello scambio con Pjanjc, la Juve dovrebbe ricevere una cifra nell’ordine dei 55 milioni per non fare minusvalenza. Scenario assolutamente poco realistico.

Merih Demiral, scontento per il minutaggio riservatogli nell’ultima annata, può essere il sacrificato in difesa. Si attendono offerte dalla Premier. Proposte che, naturalmente, non potranno certo avvicinarsi ai 50 milioni di cui si parlava lo scorso anno.

E poi c’è la questione Federico Bernardeschi. Convocato da Mancini tra i mugugni del pubblico, l’esterno toscano si è trovato a suo agio con Allegri. Non è stata ancora presa una decisione in tal senso. Se disputerà un buon Europeo la Juve cascherà sempre bene. I bianconeri si ritroverebbero un calciatore rigenerato e, allo stesso tempo, il suo valore di mercato aumenterebbe.