Il Bari ha sconfitto il Foggia, superando il primo scoglio di questa lunghissima avventura dei playoff di Lega Pro.

Ecco le pagelle dei Galletti.

Frattali 6: non ha colpe sul gol della bandiera del Foggia. Qualche buona uscita ma anche qualche imprecisione di troppo nel gioco con i piedi.

Ciofani 6: buona partita come centrale destro. Qualche imprecisione ma anche qualche chiusura importante. La sua esperienza è fondamentale.

Sabbione 7: la migliore partita da quando gioca nel Bari. Praticamente insuperabile sulle palle alte, gioca molto alto e fa salire la squadra. Cancella dalla partita il temibile Keita, pericoloso solo in un’occasione.

Semenzato 6: buona partita tutto sommato. Alterna ottime giocate a errori abbastanza grossolani. Comunque oggi è sul pezzo.

De Risio 6,5: ottima partita, sradica un’ infinità di palloni dagli avversari e di propone in costruzione. Se continua così può diventare un giocatore fondamentale.

Maita 6,5: solita partita di qualità. Raramente delude. I suoi strappi centrali sono fondamentali per il Bari come la sua qualità. Unico neo si vede pochissimo alla conclusione.

Rolando 6,5: ottima partita, suo l’assist per il gol del vantaggio di Marras. Salta spesso l’uomo, qualche volta però sbaglia la scelta finale.

Marras 7,5: probabilmente il giocatore più importante del Bari. Perché è un giocatore completo. Anche oggi lo dimostra. Corre per tutti i 90’minuti, sblocca il risultato e crea spesso superiorità numerica. Imprescindibile specie se è in ottima condizione.

Antenucci 7: l’assist per il raddoppio di D’Ursi è una giocata di categoria superiore. È in crescita e si vede. Gioca tutti i 90′ minuti, nel finale appare un po’ più stanco. Altro giocatore imprescindibile. Se sta bene fa la differenza in questa categoria.

D’Ursi 7,5: non male la doppietta nel derby. Il terzo gol è una perla rara. Non sembra in giornata all’inizio del match ma poi si riprende alla grande. Con Antenucci e Marras questo tridente fa paura.

Di Cesare 6: partita ordinata del capitano con la sua solita personalità. Esce al 65′ per un acciacco. La sua grinta è la sua esperienza e fondamentale, e sarà fondamentale per il proseguio.

Perrotta 6: entra al posto di Di Cesare, partita ordinata senza grossi affanni.
Bianco, Lollo, Andreoni, Sarzi Puttini sv

Auteri 6,5: il mister è carico, si vede come guida i ragazzi dalla panchina. Cosa che raramente ha fatto in stagione. Era importante vincere e vincere bene. Il Foggia appare però poca cosa. Arriveranno avversari più forti. La sensazione è che dipenda dal Bari. Non ci sono corazzate. Il Bari ha grande qualità, è una squadra che ha deluso in stagione ma vuole riscattarsi ai playoff. È quello che i tifosi si augurano. Buona la prima ma il cammino è lungo e difficilissimo. Una certezza. Oggi è stato un Bari diverso rispetto al recente passato.

Pierpaolo Cavallaro