ben white

La Roma è tra le squadre che stanno inseguendo il centrale inglese Ben White. Il difensore del Brighton è uno dei calciatori richiesti da José Mourinho. Il portoghese vuole almeno un centrale difensivo per la campagna di rafforzamento dei giallorossi.

White è un difensore versatile ed elegante, che può disimpegnarsi anche come terzino destro e mediano. Nonostante sia un classe ’97 (compirà 24 anni ad ottobre) è un pilastro della squadra allenata da Graham Potter.

White non è esattamente un predestinato, ma è il classico calciatore che ha fatto gavetta. Ha giocato la sua prima stagione da titolare nel 2017/2018 nel Newport in League 2. L’anno successivo è passato al Peterborough in League 1, mentre nel 2019/2020 ha giocato nel Leeds di Bielsa in Championship. Il Brighton ne ha sempre detenuto la titolarità del cartellino e lo ha pertanto prestato a questi club.

Il ragazzo definisce Marcelo Bielsa l’allenatore della svolta della sua carriera. Quest’ultimo, nella stagione del centrale inglese al Leeds, lo ha fatto giocare un mese nella formazione under 23 per farlo ambientare. Grazie al tecnico argentino, White ha tirato fuori qualità da impostatore. A lui è stata affidata la responsabilità di far partire il gioco da dietro. Nato come stopper, negli ultimi due anni è stato avvicinato a John Stones e Rio Ferdinand, due calciatori che comandano la difesa.

Data la sua versatilità, così come la capacità di poter giocare da mediano, ricorda anche Marquinhos del PSG. Tra l’altro, un ex della Roma. La velocità, sia nel breve che nel lungo, è un’altra delle sue doti. A ciò si uniscono la forza nei contrasti e la potenza atletica.

Nonostante la fisicità, White non è considerato un eccellente colpitore di testa nonostante sia un centrale. D’altronde è alto 1,85. Altezza non eccelsa per un difensore di Premier League. Da migliorare, inoltre, il senso della posizione, non sempre compensabile con esplosività e recuperi.

In questa stagione con il Brighton ha giocato quasi tutte le partite da titolare, disputando quasi 3000 minuti in questa edizione della Premier League.