Serviva una reazione per il Milan dopo due sconfitte consecutive e la reazione c’è stata. I rossoneri di Stefano Pioli hanno rifilato due gol al Benevento portandosi a 69 punti in classifica.

Mancano 4 giornate. La partita di oggi era decisamente la più semplice delle 5. Il Benevento è una seria candidata alla retrocessione. Lotta salvezza di cui il Milan sarà arbitro, considerato che affronterà anche Cagliari e Torino.

La vittoria era doverosa e altamente probabile, ed è arrivata. I rossoneri hanno dimostrato di essere in crescita. Il risultato sarebbe potuto essere più rotondo se gli attaccanti fossero stati maggiormente concreti. Ibra non ha segnato ma ha tenuto in scacco la difesa dei Sanniti.

Proprio lo svedese è un calciatore vitale per poter raggiungere la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. La partita di oggi deve dare quell’iniezione fiducia per affrontare questo mese fondamentale. Oltre al discorso fisico, è subentrato quello psicologico. Alla prossima gara agli uomini di Pioli può andare bene anche un pari, a patto naturalmente che vincano le ultime tre partite.

Uscire indenni dall’Allianz Stadium infonderebbe quella tranquillità necessaria per poter affrontare al meglio le ultime tre partite. L’Atalanta ha qualcosa in più, ma potrebbe essere già in Champions. In più, gli Orobici saranno reduci dalla finale di Coppa Italia contro la Juve.