Gli XG non sono un parametro per decidere se un risultato è stato giusto o meno. Nel leggere gli Expected Goals (XG) e nello scorgere la sezione “fairness”, in molti parlano di “sfortuna” o “fortuna”.

Il portale Infogol ha istituito un modello in base agli xG (expected goals), dove viene indicato il risultato che sarebbe stato più “giusto” in base alla pericolosità delle occasioni create. Quando Infogol pubblica le percentuali di passaggio turno in base agli XG, viene considerata anche la tipologia di avversari, ponderando expected goals ed expected goals against.

Per quanto riguarda la partita tra Inter e Napoli, il tasso di “fairness” è molto basso, addirittura 49,6! Se non è record, poco ci manca. L’Inter ha tirato 5 volte e il Napoli 17. Naturalmente, il tasso di “fairness” è nettamente il più basso dei 10 match di Serie A esaminati. Sfortuna mista a imprecisione per gli uomini di Gattuso. Secondo gli XG, il Napoli avrebbe dovuto segnare tra i 2 e i 3 gol. L’Inter, tuttavia, avrebbe dovuto segnare almeno un gol.

Naturalmente, gli attaccanti devono essere precisi e in porta c’è un portiere. Samir Handanovic è stato grandioso e ha contribuito a portare a casa i 3 punti. Gli ultimi 20 minuti di questo match ricordano quelli tra Inter ed Empoli dell’ultimo anno di Spalletti. Anche in quel caso, il portiere sloveno fu determinante.

Tante polemiche sul match tra Roma e Torino, ma il tasso di fairness è altissimo, vicinissimo al 100%. Per quanto riguarda Benevento-Lazio, sarebbe stato più giusto un 1-0 per i padroni di casa, secondo gli XG.

Nonostante i tanti tiri degli Oroboci, secondo gli XG, la Juve avrebbe dovuto segnare tra i 2 e i 3 gol. Chiaramente, un rigore influisce tanto sul punteggio. Tasso di fairness basso anche per il Milan a Genoa.

Ma ribadiamo il discorso iniziale. Questo parametro, che esula naturalmente da qualsiasi questione arbitrale, non è sinonimo solo di sfortuna ma, soprattutto, di precisione. E poi è fondamentale il ruolo dei portieri. Handanovic e Gollini si sono resi protagonisti di parate chiave ai fini dei risultati, rispettivamente, di Inter e Atalanta.