Dopo il nubifragio che si è abbattuto a Crotone, la Lazio porta a casa la vittoria chiudendo la partita 2-0 contro la squadra di Stroppa. Sono Immobile e Correa a decidere la partita.

Proprio Immobile è al quarto gol in campionato e con questo centro affianca Signori al secondo posto nella classifica dei migliori marcatori nella storia della Lazio con 107 gol. Il primo posto è di Piola con 149 gol, un traguardo possibilissimo. Mentre Correa è al primo gol in campionato.

La Lazio è stata la protagonista della partita e ha portato a casa con merito la vittoria. Il Crotone non è stato poi cosi incisivo e dalle parti di Reina non ci sono mai state azioni da palpito al cuore, tanto da permettere il quasi terzo gol alla Lazio con Caicedo, ma poi non così freddo davanti a Cordaz. Si allenta cosi un po’ la tensione in casa Lazio, e la vittoria è di buon auspicio per la gara di Champions di martedì contro lo Zenit. Una Lazio che può battere tranquillamente i russi.

Ma ieri la giornata della squadra biancoceleste è iniziata in salita. Vento forte e turbolenze hanno condizionato l’atterraggio a Crotone, in vista della partita giocata ieri allo Scida. La paura e la tensione si è riversata tra i giocatori.

Un duello tra Patiric e Simy, che dà l’idea del nubifragio abbattutosi sullo Scila. Foto ANSA / CARMELO IMBESI

 

Allo Scida è Ciro Immobile a fare la differenza. Al rientro dopo lo stop causato dal Covid, il bomber di Torre Annunziata trascina i biancocelesti sbloccando sotto il diluvio una gara superba, interpretando con autorevolezza il divario in campo. Il raddoppio di Correa nella ripresa fissa il punteggio sul definitivo 2-0 e consente alla Lazio di gestire le energie in vista della Champions.

Francesco Acerbi affronta la partita con una prestazione da vero leader. Anche lo spagnolo Luis Alberto si comporta bene in mezzo al campo. La scelta di Inzaghi è stata azzeccata con il bene stare di Lotito

Il Crotone ci prova ma, a parte un guizzo di Simy in avvio, non arriva mai a impensierire Reina e resta mestamente ultimo in classifica. Stroppa decide, e il centrocampo è in favore di Benali e Petriccione, scelti al posto di Zanellato e Cigarini. Inzaghi , privo di Strakosha, Luiz Felipe, Lulic e Milinkovic , si affida a Lazzari e Fares sulle corsie laterali.

La bufera su Crotone non impedisce alla gara di iniziare, anche se da subito emerge la pesantezza del terreno di gioco. La pioggia è incessante sullo Scida e al 7′ Cordaz controlla male fuori area, favorendo il tiro di Immobile che però non inquadra la porta vuota.

I calabresi rispondono al 14′, quando Simy ruba il tempo a Patric e manca di un soffio il bersaglio sul traversone di Benali. Nonostante le condizioni del campo, con il passare dei minuti la squadra di Inzaghi alza l’asticella e dà prova del valore e del suo tasso tecnico.

Dopo un colpo di testa centrale di Luis Alberto, a rompere l’equilibrio è proprio Immobile: la deviazione in tuffo del bomber biancoceleste su assist di Parolo non lascia scampo a Cordaz.

Il vantaggio della Lazio sembra sempre più certo e continua a mantenere il controllo del ritmo fino all’intervallo. Si troverà vicina al raddoppio in almeno altre due circostanze. Al 37′ Cordaz vola a deviare in angolo il tiro di Parolo, mentre al 43′ il portiere dei pitagorici salva sul colpo di testa di Fares, grazie anche all’intervento sulla linea di Marrone.

Nella ripresa gli ospiti sembrano instancabili e al 58′ raddoppiano con Correa che beffa sotto le gambe Cordaz da posizione defilata, sfruttando il suggerimento di Immobile, decisivo anche come uomo assist. Anche nel secondo tempo la Lazio si rende protagonista e non concede ai calabresi l’occasione per riaprire la partita.

La Lazio è alla seconda vittoria consecutiva lontano dall’Olimpico, questo permette un bel balzo in classifica e di preparare con la dovuta serenità la sfida allo Zenit. Il Crotone ha un calendario difficile e anche ieri ha rimandato l’appuntamento con il primo successo stagionale.

Marina Pomante