Qualche giorno fa vi anticipavamo dell’accordo in via di definizione tra la Fiorentina e Cesare Prandelli. Il tecnico di Orzinuovi torna quindi a Firenze, piazza in cui aveva fatto benissimo.

In molti pensavano che Beppe Iachini sarebbe stato sostituito da Maurizio Sarri, ma non è stato così. Il tecnico tosco-napoletano è rimasto molto freddo, visto l’organico attuale della Fiorentina. Sarri tra l’altro non ha ancora risolto con la Juve e nessuno conosce lo stato della trattative per la risoluzione.

L’ex tecnico bianconero vuole un progetto in una fase decisamente più avanzata. Scartando un suo ritorno a Napoli, visto il suo passaggio alla Juve e considerati i risultati di Gattuso, il tecnico guarda a Inter, Milan o Roma per il futuro. La sua idea è tornare in panchina iniziando la stagione, fermo restando che in caso di esoneri di un tecnico di una di queste squadre, le cose potranno cambiare.

E poi c’è un retroscena non da poco. Anni fa ci fu una trattativa per l’approdo di Sarri all’Udinese, ma il tecnico si sentì sedotto e abbandonato da Daniele Pradé. In questo periodo ci sono stati contatti, ma il rapporto tra i due non è idilliaco. Oltre al discorso organico, la presenza del dirigente romano ha influito sulla scelta dell’allenatore di non accasarsi a pochi passi dal paese in cui è cresciuto.