Quello dell’Inter alla fine è un punto guadagnato. Non per le tante occasioni create e per le poche subite, bensì per il gol subito nel finale. Alla fine, a togliere le castagne dal fuoco, è stato il solito Romelu Lukaku.

Andando con ordine, l’Inter ha tante attenuante causa indisponibili, molti dei quali per la pandemia di COVID-19. Ciò si è tradotto in problemi difensivi piuttosto evidenti. L’assetto del pacchetto arretrato ne ha risentito. La squadra di Conte ha subito 10 gol nelle ultime cinque gare.

Vidal è un calciatore generoso, non è un difensore, ma quegli errori sono da matita rossa. Il cileno si è reso protagonista di due sciocchezze madornali. Quando torneranno i vari indisponibili, sarebbe opportuno puntare su altri calciatori nel pacchetto nevralgico. Già con il Barcellona, nell’ultima edizione della Champions, Vidal non ha per nulla convinto. L’ex blaugrana è in notevole calo atletico e riesce a mascherare con grinta e mentalità. Ma non basta…

L’Inter attuale è dotata di grande fisicità e proprio per questo motivo è riuscita a rimediare allo svantaggio. Il gioco attuale di Conte sta tuttavia oscurando la qualità, che in rosa non manca. Troppi errori di costruzione in fase offensiva e posizionali in fase offensiva. In questo inizio di stagione i nerazzurri stanno esprimendo un gioco assolutamente rivedibile. La squadra sta sopperendo, appunto, con cuore e fisicità.

Negli ultimi minuti c’è stato un calo atletico. Ciò è spiegabile con l’impossibilità di effettuare una preparazione degna di tal nome. In secondo luogo, stanno naturalmente incidendo le defezioni causa COVID. Eppure, qualora un numero così considerevole di assenze fosse capitato lo scorso anno, Conte avrebbe avuto molte più difficoltà. Due anni fa, il povero Spalletti fu costretto ad attingere dalla Primavera in un match decisivo contro l’Eintracht.

All’Inter, causa difficoltà numerica, è mancato il centrocampo. Vidal ha la sua utilità in campo, ma quando il contesto non è ideale, butta tutto con le sue decisioni scellerate. Inoltre, la squadra ha portato tante volte Darmian in posizione pericolosa, ma spesso sono stati effettuati movimenti sbagliati. Il centrocampo attuale sarà da ridisegnare.

Fermo restando le attenuanti esposte sopra, i nerazzurri stanno comunque palesando problemi di gioco e sono in involuzione rispetto alla scorsa stagione. Il migliore, come al solito è un Lukaku sempre più dominante, ma non ci può essere sempre il salvatore della patria.