L’Inter ha comunicato la permanenza di Antonio Conte a seguito dell’incontro odierno. “Incontro costruttivo, nel segno della continuità e della condivisione della strategia”. Erano state tante le speculazioni, ma si sapeva che l’incontro odierno sarebbe stato decisivo.

Resta da capire se sia stata una scelta di convenienza oppure vi siano state garanzie reciproche e chiare. Fatto sta che la decisione è stata presa all’insegna del buonsenso. Suning aveva iniziato un percorso con il tecnico leccese 14 mesi fa e disfare il tutto, a poco tempo dall’inizio del campionato, sarebbe stato problematico.

Solo il tempo e gli eventi diranno se Conte sarà totalmente motivato e la società lo asseconderà sulle varie richieste, non solo di mercato.

Analizziamo, ad ogni modo, la situazione a livello tecnico. Vista la situazione COVID e il lucro cessante, comune a tutti i club, per acquistare verranno effettuate prima delle cessioni. Per adesso facciamo finta che la storia su Messi non esistesse, poi se dovessero esserci sviluppi, riformuleremmo il tutto.

Vista l’età di Handanovic l’Inter deve prendere un portiere. Alessio Cragno è un grande talento e con Giulini la quadra può essere trovata facilmente. Musso è nel mirino dei nerazzurri da tempo.

Conte continuerà con la difesa a tre, nella quale difficilmente ci sarà spazio per Skriniar, che quasi mai ha convinto in stagione. Lo slovacco può essere uno dei calciatori con cui monetizzare. Assodato che De Vrij e Bastoni saranno inamovibili, Diego Godin, classe ’86, potrebbe essere un semititolare. Marash kumbulla è l’obiettivo principale.

In caso di cessione di Brozovic e Skriniar potrebbero entrare soldi importanti per il grande colpo a centrocampo. Transfermarkt valuta entrambi 50 milioni. Allo stato attuale è impossibile conoscere l’entità delle offerte. Tuttavia, qualora fossero sulla falsariga del “VdM” dato dal portale, ci sarebbero i fondi per prendere un centrocampista top oltre a Tonali.

Il reparto nevralgico conterà su Barella, Eriksen e probabilmente Tonali. Il rinnovo di Borja Valero era vicino, mentre Brozovic è in bilico. Vecino è in lista di sbarco, mentre Gagliardini potrebbe rimanere come riserva. Teoricamente sarebbe possibile prendere Vidal (in lista di sbarco dal Barcellona) oltre a un centrocampista da 50 milioni in caso di addio di Brozovic.

Se verranno investiti tanti soldi per il centrocampo, l’esborso per l’esterno sarà più contenuto. Young rimarrebbe come vice, mentre sarebbe fattibile l’acquisto, ad esempio, di Emerson Palmieri. A destra c’è abbondanza e Hakimi sarà il titolare, pertanto non si interverrà ulteriormente nel ruolo.

In attacco verranno confermati Lukaku, Lautaro e Sanchez, mentre serve una quarta punta. Conte chiede un attaccante potente ed esperto che possa fare il vice Lukaku. L’identikit è quello di calciatori come Dzeko, Giroud o Cavani, per fare degli esempi.