ventura torino

Parlando di Ventura, avremmo potuto intitolare il nostro articolo con “Se questo è un allenatore”, ma purtroppo poco cambia. Ci sono tanti tecnici che, pur fallendo, non rimangono antipatici a una fetta di tifoseria. Spesso capita che i tifosi ne riconoscono il fallimento come tecnico, ma non mettono in discussione l’uomo.

Il personaggio Gian Piero Ventura è stato invece capace di mettere tutti d’accordo. Dopo aver vergognosamente fallito la qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, il tecnico ligure non si è difetto dalla nazionale. Ventura ha preteso fino all’ultimo centesimo prima di lasciare la nazionale italiana.

Ci sta che un tecnico sia bollito e lontano dall’apice della carriera. Ci sta anche una scelta folle della federazione. Il problema è stato, a suo tempo, quello di non rimediare per tempo. Un tecnico che non ha in mano la squadra, deve lasciare. Quell’Italia era disastrata, stravolta dalle follie tattiche del CT. Non avremo dei grandi campioni, ma Mancini ha dimostrato che la nazionale italiana è ancora abbastanza valida.

L’ex CT della nazionale ha delle idee fisse e non ha alcuna intenzione di cambiarle.

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum, come dicevano i latini. Il problema è che siamo al cospetto di una persona presuntuosa, superba e con zero umiltà. Tutto ciò nonostante gli errori. Questo personaggio è schiavo delle sue convinzioni, sia in termini di modulo sia di uomini. Lo ha fatto presente Lotito, il quale ha inveito nei suoi confronti.

L’ira funesta del patron di Lazio e Salernitana si è abbattuta su Ventura per il mancato accesso ai play-off. Sono arrivate le dimissioni. Nessun atto di generosità. Guadagnare 250.000 euro l’anno non implica grandi rinunce.

Se vorrà, Ventura riuscirà a trovare una panchina più remunerativa, in Italia o magari svernando in lidi lontani. Lidi lontani verso cui avrebbero dovuto mandarlo dopo la caporetto in Spagna. Avremmo avuto un altro CT e, con ogni probabilità, avremmo superato una mediocre Svezia. E non potremo mai dimenticare l’immagine di Ventura che se la rideva nelle sue lussuose vacanze dopo la sciagura combinata alla guida della nazionale. E i tifosi della Salernitana, che riponevano fiducia in lui, sono stati anche loro vittima della sua superbia.