L’ex DS del Milan Massimiliano Mirabelli è tornato a parlare dei suoi anni al Milan. Dopo aver affermato di essere stato vicino a Cristiano Ronaldo, ha dichiarato anche che stava per prendere Aubameyang.

Ma vediamo questa famosa base di Mirabelli. Quel Milan aveva in rosa calciatori giovani di livello già presenti in rosa, come Romagnoli, Donnarumma o Cutrone. Mirabelli e Fassone impegnarono oltre 200 milioni per Musacchio, Rodriguez, Conti, Bonucci, André Silva, Kalinic, Biglia, Kessiè, Calhanoglu e Borini.

Kalinic pagato 25 venduto a 15. André Silva pagato 38 milioni e dopo 2 anni di prestito ne vale forse la metà. Biglia pagato 20 via a 0, senza incidere.  Borini pagato 5 milioni (stipendio 2,5) via in prestito al Verona. Riccardo Rodriguez pagato 18 milioni via a 0.

Calhanoglu, Musacchio e Conti sono oramai ai margini del progetto e hanno perso molto valore.

Mirabelli e Fassone sono quindi stati sconfessati già nel calciomercato 2018, mentre quello attuale ha aggiunto altri giovani. La cosa interessante, e quasi clamorosa e paradossale, è che ad oggi vari elementi della squadra titolare c’erano già prima del famoso mercato di Mirabelli e Fassone! Donnarumma, Calabria e Romagnoli sono titolari inamovibili, mentre probabilmente lo sarebbe stato anche Bonaventura senza il grave infortunio.

Di tutti gli acquisti di Mirabelli e Fassone, pertanto, se ne sono salvati al massimo un terzo e non è che tali giocatori abbiano fatto faville. E, in tutto questo, la squadra è rimasta molto giovane, con la presenza di calciatori che nel 2016-2017 erano giovanissimi e adesso sono assolutamente ancora giovani. E c’era anche Cutrone, ceduto per poi fare mercato in altri ruoli…

La società è intanto “passata alle cose formali” (cit.) e ha smontato praticamente tutti i pezzi di un mercato tanto ambizioso e decantato, quanto fallimentare…