I tifosi di calcio si sentono spesso allenatori e spesso leggiamo la frase, ovviamente forzata, che in Italia ci sono 60 milioni di allenatori. Il tifoso italiano spesso pretende di saperne di più di un allenatore o di una società. A volte un semplice osservatore azzecca o vede cose che gente competente non comprende, ma è l’eccezione e non la regola.

I tifosi tentano anche di avere voce in capitolo e bloccare l’approdo di un giocatore o un allenatore. In rarissimi casi ci sono riusciti (si veda l’esempio dei Bukaneros del Rayo Vallecano, che costrinsero la società a vendere Zozulya, in quanto l’ucraino aveva idee politiche opposte rispetto a quelle della tifoseria). Nella maggior parte dei casi, queste richieste dei tifosi, anche quando diventano virali, non sono minimamente ascoltate dalle società. L’ultimo esempio è quello di Pioli, con i tifosi del Milan che hanno fatto spopolare l’hashtag #PioliOut, in quanto non volevano il tecnico parmense come successore di Giampaolo.

Ci sono poi casi in cui i tifosi hanno clamorosamente toppato. Quando le strade tra Conte e la Juve si separarono, la società bianconera assunse Massimiliano Allegri. Si innalzò un enorme coro di proteste, ma l’ex tecnico bianconero ha poi vinto 11 titoli in 5 anni con la Juve, raggiungendo anche due finali di Champions. Conte, colui che era tra i principali nemici del tifo nerazzurro, è adesso amato e idolatrato dalla torcida interista. Dopo le sei vittorie consecutive, ergo in pochissimi mesi, l’allenatore leccese è diventato un idolo tra i tifosi dell’Inter.

Pochi mesi fa i tifosi bianconeri fecero diventare virale l’hashtag #SarriOut quando fu assunto l’attuale tecnico, ma dopo poche partite Sarri sta entrando nel cuore dei tifosi, con il suo gioco che sta entrando a regime.

Lo stesso Sarri fu accolto tra lo scetticismo generale a Napoli e la tifoseria accusò e protesto contro il presidente De Laurentiis. In quel torrido giugno 2015 nessuno si sarebbe aspettato che al primo anno Sarri avrebbe mostrato un gioco spettacolare e al terzo avrebbe sfiorato lo scudetto.

Zidane veniva reputato da molti un tecnico inesperto e incompetente, ma ha fatto ricredere tutti vincendo tre Champions consecutive. E si potrebbero fare tantissimi esempi, anche con giocatori mal voluti da una piazza, ma che hanno trasformato fischi e insulti in applausi, facendo piangere i tifosi quando sono andati via.