Lazio-Roma è stato un derby combattutissimo e pieno di spunti interessanti. Abbiamo raccolto cinque punti salienti di questa partita, arrivata forse troppo presto.

1) C’era una squadra che avrebbe meritato di vincere

A costo di prenderci insulti non possiamo negare che la Lazio avrebbe meritato la vittoria. I tanti legni ne sono la testimonianza, così come le occasioni pericolose create. La Lazio dava la sensazione di fare male, oggettivamente più della Roma.

2) Molto da lavorare per Fonseca

La Roma sembra quella dello scorso anno, una squadra a tratti abulica e con poche idee. Tanti calciatori muscolari, ma poca coesione e grossi problemi di transizione. Fonseca avrebbe avuto bisogno di profili diversi a centrocampo, ma in una sola sessione di mercato era difficilissimo. Da salvare solo il risultato. La rosa è lunga, soprattutto a centrocampo e di giocatori forti ce ne sono, ma servirà trovare le giuste alchimie.

3) La continuità tecnico-tattica della Lazio

Come scritto in tempi non sospetti, la Lazio è una squadra che può beneficiare molto nel girone d’andata grazie alla continuità tecnico-tattica. I nuovi si inseriscono perfettamente a livello tattico e la squadra è rodata. Tante fiammate, ma squadra solida ed efficace. La difesa non ha fatto male, mentre la vittoria non è arrivata solo per la sfortuna nelle conclusioni.

4) Le preoccupazioni difensive per la Roma

Smalling non sarà il salvatore della patria, non essendo né un fulmine di guerra né un centrale dotato di piedi fatati. La speranza per Fonseca è data dall’esplosione di Diawara, deludente al Napoli dopo un buon inizio. Il guineano ha le caratteristiche per garantire i giusti equilibri e proteggere la difesa.

5) Una Lazio all’insegna della tecnica offensiva

La primissima Lazio di Simone Inzaghi era una squadra che viveva molto di folate offensive, con due corridori in avanti. La squadra attuale ama sempre il contropiede e lanciare i calciatori offensivi, ma con Luis Alberto, Correa e Immobile contemporaneamente in campo, nonché con un Milinkovic-Savic sempre pronto a inserirsi, Inzaghi ha acquisito il giusto mix di tecnica e corsa.