• Tempo di lettura:4Minuti

L’Inter ha fatto i compiti a casa e l’UEFA ha quindi annunciato l’uscita dal settlement agreement siglato nel 2015. Ovviamente la società nerazzurra dovrà rispettare l’obbligo di non avere una perdita netta aggregata superiore a 30 milioni nell’arco di un triennio. Sarà fondamentale raggiungere questo risultato aumentando i ricavi.

I ricavi commerciali: fiore all’occhiello di Suning

E proprio la situazione ricavi commerciali va a gonfissime vele. Dall’insediamento di Suning, l’inter ha più che raddoppiato i propri ricavi commerciali. Il colosso cinese ha puntato tantissimo sul brand Inter e lo ha sviluppato in Cina. Si è trattato di una strategia win-win, in quanto Suning sta attecchendo sul mercato europeo, mentre l’Inter sta andando forte in Cina.

Suning è entrata prepotentemente nell’Inter con l’obiettivo di espandere il proprio marchio e, contestualmente, quello della società nerazzurra. Innumerevoli sono state le partnership siglate. Ricordiamo ad esempio che nel maggio scorso fu stipulato un accordo con Imedia dal valore complessivo quinquennale di 154 milioni di euro, comprensivo di bonus alla firma. Altro sponsor è Fullshare, che garantirà all’Inter 43,3 milioni totali fino al 2023, più bonus alla firma, pari a 10 milioni. Qualche mese fa è annunciata la nuova partnership cinese tra la società nerazzurra e Fohsan Mona Lisa Tiles, azienda leader nel settore delle ceramiche, presso la sede di quest’ultima. Fohsan Monalisa Tiles fattura ben 100 miliardi di yuan all’anno, circa 13 miliardi di euro. Ed è stata recentemente annunciata la parnership con Konica Minolta.

A fine novembre il primo ministro cinese Li Keqiang si è recato al quartiere generale del gruppo cinese che presiede la società nerazzurra, dove ha dichiarato: “Il gruppo Suning è come il Monkey King magico della nostra tradizione letteraria. Non solo pensa in grande e punta in alto, ma anche arriva al cuore dei consumatori, avrà sicuramente grande successo”.

Sempre a novembre, il gruppo Moutai, regional sponsor dell‘Inter, si è recato alla sede di Suning. Moutai vuole consolidare la partnership con Inter e Suning.

Inoltre, Suning.com e China Life Insurance hanno raggiunto una collaborazione su servizi per prodotti, servizi per i consumatori, finanza assicurativa e altre attività commerciali. China Life conta su oltre 1,8 milioni di addetti alle vendite e 36 filiali che coprono tutta la Cina, ha appunto stipulato questa partnership con Suning per servire ancora più clienti presso gli store di quest’ultima.

La pubblicità attraverso i canali Suning relativa alla partnership è stata siglata anche tra Inter e A.O. Smith, azienda USA entrata 20 anni fa nel mercato cinese. Sono state messe in palio le maglie autografate dei calciatori nerazzurri.

Servono ancora plusvalenze entro il 30 giugno?

Non c’è l’obbligo ma è una strategia opportuna e l’Inter la porterà sicuramente avanti. Gli esercizi 2017 e 2018 sono stati conclusi con il pareggio di bilancio e vuole continuare con lo stesso rigore. Il -30 dovrebbe essere caricato su più esercizi. Probabile che si cederà prima di acquistare, ma non sono previsti sacrifici clamorosi.

L’Inter ha un indebitamento alto, come tutte le big del mondo, ma ha ripianato i debiti (concetto diverso a livello economico) e ha quindi possibilità di spendere, anche se con rigore, attendendo di aumentare ulteriormente i ricavi, per i quali la strada intrapresa è quella giusta.

Cosa attendersi dal calciomercato

Non vi saranno più limitazioni nella lista UEFA e questo è un enorme vantaggio. Per quanto riguarda invece il calciomercato, c’è sempre da tenere in considerazione il famoso break-even. I margini di manovra saranno superiori, ma il FPF esiste sempre. Se i ricavi raggiungeranno i 350 milioni (dipenderà dai risultati in Champions), per fare un esempio, le restrizioni saranno sempre più allentate. Un giocatore che costa 50 milioni e prende 20 milioni lordi d’ingaggio rimarrà irraggiungibile, ma un elemento che costa 70 milioni e ne prenderebbe 10 lordi di ingaggio (ad esempio Chiesa, che tra l’altro è giovane ed è ammortabile) sarebbe molto più fattibile.