• Tempo di lettura:8Minuti

Può una indagine giornalistica scoperchiare il Vaso di Pandora, quel contenitore che custodisce tutto il marciume capace di affliggere il calcio “moderno” e svelarne pubblicamente il mefitico contenuto??? Purtroppo sì. Ed è proprio quello che ha fatto un network composta da giornalisti di tutta Europa: lo European Investigative Collaborations (EIC).

Originariamente ideato, negli ultimi mesi del 2016, da nove testate – tra cui “L’Espresso”, membro fondatore, nonchè unico rappresentante per l’Italia – attualmente può contare su quattordici riviste capaci di seguire in maniera capillare un filo sottilissimo, dalle ramificazioni globali.

Ovvero, l’inchiesta sulle intricatissime relazioni che intercorrono nel mondo del calcio, tra le sue istituzioni, i loro rappresentanti e la finanza planetaria.
Il fulcro di questa indagine è la rivista tedesca “Der Spiegel”, che ha pubblicato sul proprio sito le rivelazioni di una fonte anonima, i cd. Football Leaks, la più grande fuga di notizie nella storia dello sport, che ha permesso ai giornalisti raccolti nel network di studiare, per mesi, una massa imponente di informazioni.

Circa 1.9 terabyte, pari a 18.6 milioni di documenti confidenziali (contratti, fatture, messaggi e mail), in grado di testimoniare, senza nessun tipo di filtro, gli ingranaggi – leciti e illeciti – attraverso cui l’intrattenimento più popolare al Mondo è stato trasformato progressivamente, da personaggi troppo spesso dalla dubbia fama e dalla reputazione non idilliaca, oltre che dalla moralità ballerina, in un meccanismo funzionale a realizzare profitti economico-finanziari, piuttosto che conseguire obiettivi prettamente sportivi. Il network non è stato in grado di determinare precisamente chi c’è dietro questa elefantiaca moltitudine di notizie, tantomeno in che modo la fonte sia entrata in possesso della banca dati.

Sicuramente, tutto ha avuto inizio alla fine del 2015. L’elemento scatenante fu lo scandalo legato alla corruzione in seno alla Fifa, che quell’estate investì come uno tzunami l’organo di governo del calcio Mondiale. Da allora, la fonte comincia a raccogliere dati sui principali investitori del calcio mondiale ed a pubblicare il contenuto dei contratti di alcuni Top Player (o presunti tali…).

Le rivelazioni provocano un terremoto nello Show Business della Pedata.
A quel punto il sito, oggetto di frequenti attacchi informatici, decide di interrompere l’attività, soltanto pochi mesi dopo aver iniziato la sua Crociata contro il malcostume sempre più imperante. Nella primavera del 2016, quindi, una fonte non meglio precisata fornisce l’enorme banca dati, chiamata appunto Football Leaks, al settimanale tedesco.

L’analisi dei documenti, che toccavano colossi del calibro del potente Agente Fifa portoghese Jorge Mendes (procuratore, tra gli altri, di Cristiano Ronaldo e José Mourinho), del fondo di investimento Doyen Sports e di decine di Top Club in giro per il Mondo, mettendo in evidenza l’altra faccia del Sistema Calcio, quella occulta, dove si muovono le interconnessioni che si nascondono dietro questo business avido e spericolato, ha permesso l’emersione di due fenomeni rilevanti.

Uno è quello dei milioni di euro nascosti nei paradisi fiscali, attraverso una vorticosa girandola di prestanome. Stabilire la sede legale in questi Paesi offre alle aziende un duplice vantaggio: le imposte sono bassissime o (quasi…) nulle; inoltre, alle imprese che gestiscono beni immateriali come marchi, brevetti e diritti d’immagine, viene assicurato un trattamento particolarmente favorevole. Da Madeira, a Panama alle Isole Vergini,
queste riservatissime location vengono usate da calciatori e allenatori, non come luoghi di buen ritiro, dove ricaricare le batterie, tra una stagione e l’altra, bensì per spostare gli enormi profitti realizzati, appunto, attraverso
lo sfruttamento dei loro diritti d’immagine. L’altro tema è quello della proprietà dei calciatori, trattati come titoli finanziari, alla stregua di una merce alla Borsa Valori. Cosìcché, al contrario di quanto si possa credere
comunemente, ovvero, che siano le squadre ad essere titolari dei cartellini, spesso i reali possessori delle prestazioni sportive dei giocatori sono dei fondi di investimento.

Lo schema che accomuna le complesse trame finanziarie emerse da questi due grandi filoni di indagine è sempre lo stesso. Una gigantesca triangolazione offshore con la quale, le somme versate da una squadra, formalmente come compenso per l’Agente Fifa intervenuto in qualità di intermediario nella compravendita di un calciatore, finiscono inizialmente a una società, ed immediatamente dopo, prendono il volo verso una terza destinazione, ubicata sempre in un paradiso fiscale. Seguendo le tracce del denaro, l’inchiesta condotta dall’EIC è riuscita a squarciare il velo di
omertosi silenzi fatti scivolare come una coltre densa e nauseabonda sugli inediti risvolti finanziari e sulle clausole segrete inserite in decine di contratti, compresi quelli di alcuni grandi nomi.

Il caso più eclatante è quello di Cristiano Ronaldo. Tra il 2009 e il 2014, la stella portoghese, all’epoca in forza al Real Madrid, è stato accusato di un’evasione totale da 14.7 milioni di euro. Il complesso schema societario creato dal suo procuratore, il portoghese Jorge Mendes, dalla Spagna, passando per l’Irlanda e la Svizzera, portava dritto ai Caraibi. In sostanza, CR7 ha trasferito oltre 70 milioni di euro nei conti bancari della Tollin, una società registrata alle Isole Vergini. Altri 74 milioni, versati su un conto svizzero, sono stati incassati dall’attuale stella della Juventus
negli ultimi giorni del 2014, quando ha ceduto i diritti sulla propria immagine, per gli anni tra il 2015 e il 2020, a un uomo d’affari di Singapore, Peter Lim. Su tutti questi redditi, frutto in gran parte di contratti pubblicitari, Ronaldo ha pagato spiccioli, cioè tasse per un totale di pochi milioni. E così, lo scorso gennaio, il tribunale spagnolo ha condannato per evasione fiscale CR7 a 23 mesi di carcere (che non ha dovuto scontare, in
quanto inferiori a due anni), nonché 18,8 milioni di euro di multa.

Ma Jorge Mendes è la mente pensante dietro le illecite disavventure di un altro suo celeberrimo assistito. Non a caso, un’architettura societaria del tutto analoga a quella che ha portato alla condanna di CR7 accomuna pure
José Mourinho, che nel 2014, rimane impelagato nelle maglie del Fisco spagnolo. Le indagini accertano che lo Special One disponeva di una società offshore – la Koper Services – con sede nelle Isole Vergini, al
contempo, aveva costituito una fondazione in Nuova Zelanda, controllante della Koper, di cui risultavano beneficiari la moglie e i figli. I contratti per lo sfruttamento dei suoi diritti d’immagine, per gli anni 2011 e 2012,
quando guidava il Real Madrid, erano formalmente siglati da altre due società (la Mim e la Polaris), ubicate in Irlanda, che trasferivano successivamente il denaro alla caraibica Koper, controllata dalla
fondazione neozelandese. Dopo un lungo iter procedurale, il tecnico lusitano ammette di essersi macchiato del reato di evasione fiscale, e patteggia per evitare il carcere, un conto salatissimo: un’ammenda pecuniaria di quasi due milioni di euro e la condanna ad un anno di detenzione, commutata in un’ulteriore multa di 182.500 euro.

Circostanza non secondaria, le carte di Football Leaks furono quelle che svelarono come la Koper Services fosse registrata allo stesso indirizzo della società di Ronaldo. La sede di entrambe, infatti, era in una palazzina
di due piani a Vanterpool Plaza, nella cittadina di Road Town, sull’isola di Tortola, nell’arcipelago delle Vergini…

Ma i file di Football Leaks dicono di più. Secondo i documenti esaminati, si è appreso, infatti, dell’ormai dilagante strapotere di società e fondi di investimento, che acquisiscono una parte del cartellini di un calciatore, per
conto di club sudamericani ed europei, inserendo poi delle clausole nel contratto, per effetto del quale, all’atto della successiva cessione ad un altro club, al fondo in questione viene riconosciuta una sostanziosa
percentuale. Una consuetudine certamente non illegale. Se non fosse emerso il piccolo particolare che solitamente gli stessi fondi che fanno da intermediari per la compravendita del cartellino e dei diritti d’immagine dei
calciatori, detengono quote nelle medesime società calcistiche coinvolte nella compravendita, alimentando un circolo vizioso, eticamente assai discutibile. Ve ne sono tante nel panorama calcistico internazionale, ma la
più nota è la Doyen Sports.

Nel radar di Football Leaks è finito anche Gianni Infantino, attuale Presidente della Fifa ed ex Segretario Generale della Uefa. I documenti raccolti dalla EIC svelano come esista un nesso di consequenzialità tra gli straordinari risultati conseguiti sul campo da Psg e Manchester City, accusati neanche tanto velatamente di averli conseguiti anche (se non, soprattutto…) ricorrendo al cd. “doping finanziario”, attraverso l’uso massiccio di contratti di sponsorizzazione gonfiati, e l’omesso controllo del Comitato Etico della Fifa, manipolato dallo stesso Infantino, con lo scopo di ottenere una maggiore libertà di movimento sul mercato ai due colossi del calcio europeo. Sostanzialmente, l’accusa è quella di aver garantito una vera e propria immunità alle due società a rischio sanzioni,
avendo violato in modo sistematico, e per anni, le regole ed i principi del cd. “Fair Play Finanziario”, astenendosi così da prendere nei loro confronti provvedimenti draconiani – ovvero, l’esclusione dalle Coppe europee –
assunti, nei confronti di club dal minore spessore tecnico e finanziario, obbligati, invece, ad osservare rigorosamente i paletti del FFP.

Nel 2014,per ripianare l’enorme disavanzo di bilancio, il PSG sigla con la Qatar Tourism Authority un colossale accordo di sponsorizzazione (si vocifera, pari a 200 milioni annui), mentre il reale valore del contratto, pare fosse di sette e più volte inferiore. Le indagini hanno dimostrato che la Qta era di fatto una sorta di “controllante” del club parigino, che dunque stava finanziando se stesso. È qui entra in gioco Infantino. Durante un meeting tra i vertici UEFA e Al-Khelaifi, proprietario del PSG, si addiviene ad una transazione che consente al Psg di mantenere l’accordo con la QTA per un valore dimezzato, ma comunque in grado di assicurare 100 milioni l’anno ai parigini!!!

 

Francesco Infranca