• Tempo di lettura:3Minuti

Non bisogna farsi ingannare dalla meritata sconfitta dell’Arsenal contro l’Everton. I Gunners hanno perso 1-0 e il risultato è stato stretto per i Toffees.

La formazione di Emery non era comunque quella titolare, vuoi per le assenze vuoi per il turnover. Nella formazione titolare mancavano Xhaka, Torreira, Ramsey, Koscielny e Aubameyang, tutti calciatori che teoricamente potrebbero partire dall’inizio contro il Napoli. Torreira rientrerà sicuramente (in Premier è stato squalificato per tre turni), mentre Xhaka e Koscielny, seppur non al meglio, dovrebbero recuperare. In pratica mancava tutto il centrocampo titolare.

Mkhitaryan e Ozil non hanno disputato un buon match spostati sugli esterni, mentre il centrocampo si è basato sul solo Guendouzi, considerando che Elneny è un semplice rincalzo. Contro il Napoli, pertanto, Emery avrà l’imbarazzo della scelta. Potrebbe puntare su una formazione offensiva con Ramsey e Ozil titolari nei tre di centrocampo, con le due punte Aubameyang e Lacazette a combinare. In alternativa, il tecnico basco potrebbe continuare con il 3-4-3, visto anche contro il Newcastle, con Iwobi esterno e Ramsey trequartista, con Ozil dirottato nuovamente sulla fascia.

Ancelotti ha in mente una formazione con un assetto tattico classico, non potendo contare su Albiol al centro e quindi dirottando Maksimovic sulla fascia destra della difesa. Emery non scioglierà le riserve fino a giovedì. Xhaka potrebbe partire dalla panchina, vista la presenza di Torreira e Guendouzi, elementi di assoluto valore, a testimonianza della qualità e dell’abbondanza nel reparto nevralgico.

Situazione diversa invece in difesa. Contro l’Everton, Calvert-Lewin ha fatto vedere i sorci verdi a Sokratis e Mustafi, due calciatori con una militanza senza né infamia né lode nel nostro campionato. La presenza o meno di Koscielny potrebbe essere l’ago della bilancia in termini di solidità difensiva. Sokratis, squalificato in campionato per i prossimi due match, ha beccato in media un cartellino giallo ogni due partite. E l’intesa con Mustafi non è delle migliori. Nacho e Kolasinac sono chiamati a blindare il lato sinistro, ma rimangono due onesti mestieranti.

Le parole di Tony McCoy, famoso fantino britannico e tifoso dell’Arsenal, farebbero ben sperare ai tifosi del Napoli. McCoy ha affermato che non avrebbe paura di affrontare nessun giocatore dell’Arsenal adesso, lui che è un semplice fantino. E bisognerà vedere in che condizioni giocherà Koscielny, ovviamente se sarà arruolabile.

La difesa attuale dei Gunners non è certo imperforabile, ma la fase offensiva è notevole. Emery ha la possibilità di cambiare schieramento e uomini nel corso del match, adattandoli in base al momento della partita. Dalla panchina potrebbero alzarsi Xhaka, Aubameyang e Mkhitaryan, per fare degli esempi, garantendo imprevedibilità e pericolosità.

In conclusione, sarà un Arsenal sicuramente perforabile, ma capace di fare molto male in fase offensiva. E in casa ha tutt’altro atteggiamento rispetto a quello mostrato in trasferta. Per adesso è giusto concentrarsi solo sul match di andata, che avrà luogo giovedì all’Emirates, visto che fino al ritorno al San Paolo potrebbero cambiare tanti fattori.

 

Vincenzo Di Maso