• Tempo di lettura:3Minuti

Da quando la fascia da capitano è passata da Mauro Icardi a Samir Handanovic il giocatore argentino non ha giocato né si è allenato con il gruppo. Il tutto ha provocato una tempesta e un tam tam mediatico con pochi eguali nella storia del calcio italiano.

L’ultima partita di Icardi in campionato con la maglia dell’Inter risale al 9 febbraio contro il Parma, vinta per 1-0 dai nerazzurri grazie al gol di Lautaro. Nei cinque match di Serie A senza Icardi l’Inter ne ha vinti tre, perso uno e pareggiato uno con un rigore inventato dall’arbitro Abisso contro la Fiorentina. Lo score recita quindi 10 punti in 5 gare, partire nelle quali Lautaro ha fatto il suo dovere.

Come abbiamo scritto a più riprese, il ritorno di Icardi sarà di vitale importanza per l’Inter. È vero che da adesso non ci saranno più le coppe, ma ai fini della qualificazione in Champions League il ritorno di Icardi è fondamentale. C’è bisogno dell’apporto di tutti, a partire dal match contro la Lazio. Una partita che l’Inter potrà anche pareggiare e conterà in primis non perdere. Pertanto, in questi 10 match è necessario avere a disposizione un’altra punta.

Adesso che Icardi tornerà ad allenarsi come il gruppo, come gestire la sua situazione? L’argentino va accolto con cordialità, ma senza stendergli il tappeto rosso, ovviamente senza fascia o favoritismi.

Contro la Lazio è giusto che giochi Lautaro assieme ad altri calciatori offensivi e che Icardi parta dalla panchina e mantenga un profilo basso. L’infortunio sarà stato diplomatico, ma Icardi non si è allenato bene e ha pertanto bisogno di ritrovare la forma.

Al rientro di tutti i nazionali, si capirà se il caso è ufficialmente rientrato oppure rimarranno conflitti chiari e manifesti con alcuni compagni. Come noto, il rapporto con i croati non è idilliaco, per usare un eufemismo. Il rientro in gruppo è stato voluto in primis da Zhang, mentre Spalletti ne avrebbe anche fatto a meno. Fatto sta che questo è un primo passo verso un ricongiungimento, almeno forzato e parziale, ma i riscontri li avremo a seguire.

Per quanto riguarda il futuro di Icardi in nerazzurro, le cose dovrebbero cambiare drasticamente e qualcuno dovrebbe tornare sui propri passi. Non è un mistero che la moglie agente Wanda Nara abbia parlato con Juventus e Real Madrid, tra le altre. E Icardi non la ha certo fermata. Solo una presa di posizione del giocatore, dimostrando il suo amore per l’Inter, potrebbe impedire la partenza in estate. Un’Inter che avrebbe meritato molto più rispetto…